Dagli “anni ruggenti” al New deal – Gli anni Venti e Trenta negli Stati Uniti, attraverso alcune fotografie e un powerpoint

6 gennaio 2019 di donablogger

di V. Sciacca

Madre migrante

Partiamo da questa fotografia.

Fu scattata dalla fotografa statunitense Dorothea Lange, a Nipomo (California), nel 1936, insieme ad altre quattro, conosciute complessivamente con il titolo Migrant mother (Madre migrante).

La fotografa stava transitando con la sua auto nei pressi di un campo che ospitava oltre duemila braccianti impiegati nella raccolta dei piselli.

Appena fuori dal campo, in una tenda improvvisata sul bordo della strada, la Lange nota una donna con alcuni bambini cenciosi; da lontano scatta la foto che vedete in alto, poi si avvicina e scatta ancora quattro foto. La donna non avrebbe voluto farsi riprendere, e nemmeno le bambine, che infatti per la vergogna a un certo punto voltano le spalle alla fotografa.

Due di queste foto, pubblicate sul San Francisco News del 10 marzo 1936, sarebbero diventate il simbolo stesso della sofferenza di un’intera nazione, ridotta alla miseria dalla Grande depressione.

Com’è stata possibile, negli Stati Uniti, Paese che associamo sempre a un’idea di benessere e di sviluppo, l’irrimediabile miseria di questa donna? Cos’è stata la Grande depressione? Come hanno fatto gli Stati Uniti a uscirne?

In questo powerpoint trovi alcune risposte.

Clicca qui per scaricare il file.

Annunci

Sognare sugli atlanti

Sognare sugli atlanti

Sognare sugli atlanti

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: